Baudelaire e la bellezza…

Ho trovato la definizione del Bello, del mio Bello. È qualcosa di ardente e di triste… Una testa seducente e bella, una testa di donna, voglio dire, è una testa che fa sognare insieme ma in un modo confuso – di voluttà e di tristezza; che comporta un’idea di malinconia, di stanchezza, anche di sazietà.
Charles Baudelaire

Dell’amore e altre cose…

Untitled-17Ti prego, vorrei usare quel telefono. Che senso ha resistere e posticipare il tempo inscenando scontate e antiche strategie? Ma è così che si tende la trappola fatale, misurarsi, aspettare, compiere gesti lenti e studiati come in teatro. Non c’è improvvisazione, pena il fallimento.

Ma l’anima si chiede: e se avessi trovato l’oasi? Quella dimensione che attraversa le leggi fisiche della realtà senza farsi contaminare, come l’abbigliamento ignifugo dei vigili del fuoco. E il tempo corre e si fa pressante, povera lepre di brughiera…potresti non arrivare in tempo o sbagliare strada e finire di nuovo preda del solito bracconiere.

Ad essere sinceri non tutti cercano l’oasi, non tutti possiedono la seconda casa. Secondo i principi dell’egualitarismo non è morale avere un’oasi quando a malapena la maggior parte della gente ha una modesta casa, pure da ristrutturare e senza soldi per farlo.

Fa parte quindi di un discorso da condividere in circoli “à la page” con pochi fortunati, gente che nella vita ha attinto da tutto e da tutti ma a pensarci bene, malgrado la spregiudicatezza esibisce un pregio che i “monocasa” non posseggono: la generosità. Sono di una generosità quasi patologica e di una bellezza inconsapevole, circondati da varia umanità senza chiedersene il motivo. Non saranno così immorali – si chiede l’anima – se senza voler offendere i loro coinquilini possono permettersi il lusso del primo sole su terrazze di incantevoli magioni segrete.

Sono invece piuttosto fragili e complessi, ignari del concetto di male e di possesso perchè sanno che per curare i loro malanni hanno bisogno di quella luce, ma anche di quelle notti. I loro detrattori hanno i salotti puliti….ma serrati a chiave affinchè nessuno possa apprezzare la bellezza di un ambiente ospitale e il lusso delle tappezzerie nuove e immacolate.

E’ che a un certo punto, quando si cerca l’oasi e si commettono molti errori di valutazione ( troppo costosa, troppo invadente, troppo impegnativa da mantenere, troppo essenziale…) si pensa di non riuscire ad appagare mai quel bisogno di vita, quel bisogno che ti corrode dentro come un invasato.

E ancora non sai se afferrare quel telefono…

WordPress.com.

Su ↑

Ettore Massarese

un navigatore cortese

Hermes Curioso

Psicopompo! Cappello da viaggio e ali ai piedi, leggero e incostante, perennemente curioso.

sm

Io non coglierei la mela, sradicherei l'albero intero e lo inghiottirei, avara delle radici di Adamo (Serena Maffia)

Studio Legale Giorgio Di Micco

credo nel senso di giustizia e di libertà

La via del socialismo

Sito di riflessioni, recensioni di libri di storia e filosofia politica attinente al socialismo

Le Trame del destino: Libri e dintorni

“Non ci sono amicizie più rapide di quelle tra persone che amano gli stessi libri” (Irving Stone)

Profumi di poesia

viaggi lirici ESsenziali

CulturaMente

La tua Dose Quotidiana di Cultura

Imp[o]ssible Book

impossibilie e' solo cio' in cui non si crede

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Parole di Pane

Un libro per dare voce a chi voce non ha

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

© Lidia Popa - Arte e inchiostro

Non è povero colui che si prende la cura di un ramo senza radici, ma colui che protegge delle radici senza rami. © Lidia Popa

la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Del cielo stellato

Il blog di EdiLet - Edilazio Letteraria

L'Arco di Aprilia

La storia di Aprilia attraverso i suoi personaggi

nanita

la poesia, la natura, gli alberi