Versioni umane:fra parole nuove e antiche

anzioVersioni umane: fra parole nuove e antiche, letture a cura di Ugo Magnanti.

Reading di poesia fra testi originali e versioni da autori latini.

Con: Dona Amati, Antonietta De Luca, Luca Frudà, Iago, Ugo Magnanti, Antonella Rizzo.

Sabato 8 giugno, ore 17.00, Piazza Garibaldi, Anzio.

Nell’ambito della sesta edizione di “Musei in Piazza”, i musei della provincia di Roma in festa, arte e archeologia un patrimonio di tutti, sabato 8 e domenica 9 giugno 2013, 11.00 – 18.00, Piazza Garibaldi, Anzio.

La manifestazione è ideata e curata dal Museo Civico Archeologico di Anzio, responsabile Giusi Canzoneri

Traditori e traditi

Si nasce con un destino strano, quello di essere traditori e traditi. La prima volta durante il distacco brusco dalle braccia della madre che decide quando è l’ora di interrompere il rapporto simbiotico con il proprio figlio. Che non si sarebbe sentito ancora pronto a spiccare il volo. Poi l’umanità di un padre che si rivela straziante da accettare. E l’amico, il cambio di rotta del tuo partito, l’eterno partner di una vita. Il tradimento è affrancazione di sè, un momento in cui la percezione delle proprie potenzialità diventa un’energia irrefrenabile che va indirizzata verso una realtà esterna al proprio vissuto quotidiano. I giudizi di valore, in questo caso, diventano inutili e demagogici visto che nessuna coercizione è riuscita a mantenere l’uomo ancorato alle proprie sicurezze malgrado politica e religione abbiano cercato di esercitarne il controllo. Tradimento come parola ha un significato negativo. Perchè tradire è uccidere una persona convinta di possedere il controllo sull’altro, il controllo delle pulsioni e delle comuni ideologie. Il problema è quindi rinunciare a sè stessi o all’amore dell’altro. Sono convinta che seguire lo snodarsi della propria vita nelle sue spigolature non sia tradire. Si può avere rispetto dell’altro in molti modi: saper lasciare alle spalle persone e situazioni quando i binari si dividono o percorrere strade parallele per esigenze del momento non è il peggiore dei mali. Molti amici persi senza motivo non sono lutti ma evoluzioni dell’Io, pensare nella coppia in maniera onnipotente di bastare sempre all’altro è un atto di superbia.

E l’odio e il rancore non fanno parte del sentimento più nobile che esista: l’amore per la libertà.