“Cleopatra – Divina donna d’Inferno” di Antonella Rizzo, ed. FusibiliaLibri 2014

Immagine

Ci vuole arditezza e pure un pizzico di faccia tosta per dare voce ai pensieri formulati dalla mente di Cleopatra, doti di cui Antonella Rizzo non difetta assolutamente. E FusibiliaLibri che, come è notorio, ha in predilezione la scrittura delle donne, accoglie a braccia aperte quelle che, soprattutto, si inerpicano su percorsi difficili, sfidando letteratura e interpretazioni stocastiche della storia. Cleopatra – Divina donna d’Inferno è un libro scritto con gran talento che dà al lettore il monologo straziante, tra versi e prose, di un personaggio che, ingiustamente ricordato come la capitolazione di impero, qui si racconta donna, madre, amante, vittima di schermaglie politiche e sentimentali. Il tono intimo e fiero dell’Io narrante suggerisce una nuova figura di regina, il cui caposaldo è la dignità, irrinunciabile. Un libro arricchito dalle dotte note del prof. Claudio Giovanardi e di Luca Attenni, ricercatore e archeologo.

Dona Amati

di prossima uscita editoriale, prenotabile su fusibilia@gmail.com

“Sto impazzendo. So che il veleno continuo era solo brace per nutrire un amore destinatoa finire come tutte le cose del mondo.

Così replicai qualche giorno dopo la morte di Cesare.Quell’uomo era diventato la mia ossessione per come era entrato con prepotenza nel mio immaginario e vi aveva piantato le sue tende da accampamento militare. L’odore del cardamomo e delle ghiandole dei piccoli animali contenuti nell’unguento che la schiava greca spalmava sulla mia schiena faceva il resto. Pensavo a quelle amenità che avrebbero raccontato sul mio conto, latte d’asina, carbone per gli occhi e altre cose del genere e ridevo come una pazza. Creusa rideva all’eco della mia allegria e sapeva di essere serva per volere degli Dèi e non degli uomini. Avevo fame di sapere e volevo impadronirmi dei segreti dell’astrologia e della fertilità delle mie terre, e Creusa divideva con me le stesse passioni.Sapevamo che Cesare parlava di caccia con Diana e di guerra con Marte e che lo scibile umano gli interessava fino alla lunghezza del suo equipaggiamento bellico. Ma la forma della sua testa era così maschile e le mani così nodose come una quercia mediterranea che al confronto i nerboruti schiavi d’Etiopia parevano vecchi eunuchi. Non avrei mai patito la solitudine e la mancanza di sentimento perché Io ero l’amore e sapevo suggere polline da fiori sconosciuti e misteriosi. Amavo scommettere sulle probabilità del destino e con grazia scivolavo nelle passioni quasi imponendomi la sorte. A quei tempi odiavo mio fratello-marito…”

“Sono bella ma non è colpa mia” L’inconvenienza dell’avvenenza

Immagine

Prossima uscita FusibiliaLibri, “Sono bella, ma non è colpa mia” a cura di Maria Carla Trapani. Immagine di copertina per gentile concessione dell’artista Stefania Sergi. Nel volume, 27 donne e 1 uomo si raccontano sul disagio della bellezza. Prenotabile su fusibilia@gmail.com
Dalla prefazione di Maria Carla Trapani:
“In una società in cui la rappresentazione della ‘carne’ domina l’immaginario, non desta certo stupore che attorno all’esibizione del corpo femminile possano aggrovigliarsi i nodi irrisolti della questione di genere. A volte capita anche che questo corpo, per natura o per scelta, sembri corrispondere ai rigidi canoni di bellezza vigenti. Ecco, considerare invece che questa corrispondenza, apparentemente fortunata, possa essere percepita come un ostacolo alla propria realizzazione, ci può portare a un interessante spostamento del nostro punto di vista abituale” […] Nella raccolta il mio racconto “Venere e Freud”.

14 gennaio 2014

Che la cultura italiana abbia scoperto “la banalità del bene”? Che i figli del parto in acqua, dopo un attimo di sbandamento per un momento di recessione economica, abbiano scoperto la zona d’ombra onirica e delirante dei figli delle grandi guerre, dei conflitti sociali, al punto di riscoprire quel mellifluo abbandono a quegli atteggiamenti bohèmienne di facciata? Purtroppo i treni sono persi….e quello che la vita non vi ha concesso, per vostra fortuna, non è recuperabile in altra forma, e tanto pare forzato e stentato il tentativo di ricostruirvi una verginità intellettuale.