Cara figlia

Cara figlia, vedo in te quelle pulsioni, improvvise e teneramente violente che a suo tempo mi impedirono di fare tante cose. Non rammaricarti di non essere la prima della classe, i fuochi d’artificio non fanno per noi e abbiamo quella sensibilità boschiva che non ci permetterà mai di gioire per i nostri successi senza condividere empaticamente i fallimenti degli altri. Adesso il mondo non è fatto per chi viaggia da solo. È il momento delle transumanze e degli stormi che si muovono in blocco con le loro gerarchie, dei nidi che si chiudono impermeabili nelle loro piccole certezze. Non credere a quel piccolo mondo antico.
Io ti amo incerta, volitiva e fuori dal branco. Un giorno, quando i nidi prenderanno fuoco gli abitanti scapperanno in preda al panico e chissà se troveranno uomini di buona volontà ad accoglierli. Ci sono angolazioni che solo tu riesci a cogliere, e che raccolgo come profezie. Sono quelle le cose che devono renderti orgogliosa, non è questo il tempo delle operose formiche e delle fabbriche ma di imparare a non fiaccarti sotto il peso di amori fugaci e mortali, di consensi dolorosi e di gregarietà per bisogno.
Ti vorrei proteggere più di quello che faccio, io che ho avuto fame di attenzioni e di certezze, ma renderti una Donna libera è quanto immodestamente ti vorrei donare.
Sappi cogliere i frutti dell’attimo, generosa e attenta, che la vita ti saprà ricambiare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Antonella A. Rizzo - poeta, scrittrice, giornalista

"Temo che lasciarsi andare nel nero di seppia di questa volta fermi il respiro di un corpo sospeso. E se pure fosse divino odio il sonno, e i suoi pentimenti..."

Medicina, Cultura, e Legge.

Articoli su Medicina, Legge e Diritto, ma anche Aforismi, Riflessioni, e Poesie. Autore: Stefano Ligorio.

Ettore Massarese

un navigatore cortese

Hermes Curioso

Psicopompo! Cappello da viaggio e ali ai piedi, leggero e incostante, perennemente curioso.

sm

Io non coglierei la mela, sradicherei l'albero intero e lo inghiottirei, avara delle radici di Adamo (Serena Maffia)

La via del socialismo

Sito di riflessioni, recensioni di libri di storia e filosofia politica attinente al socialismo

Le Trame del destino: Libri e dintorni

“Non ci sono amicizie più rapide di quelle tra persone che amano gli stessi libri” (Irving Stone)

Profumi di poesia

viaggi lirici ESsenziali

CulturaMente

La tua Dose Quotidiana di Cultura

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: