I sotterranei dell’anima 

2140289_copertina_libro

Un estratto dal mio racconto I sotterranei dell’anima pubblicato nell’antologia Sorridi siamo a Roma edizioni Pontesisto, curata da Antonio Veneziani.

[…] Quel giorno avevo inchiodato anche io la mia marcia, come l’autista, e scoprii di essere allo sbocco della fogna, al bivio della mia vita, in un ninfeo sacro. Era arrivato tardi, dopo le lunghe attese alla banchina degli autobus e anche quel giorno decisi di avventurarmi a piedi, seguendo il rumore di cristalli spezzati, dell’acqua che portava via le scorie della solitudine. Non è colpa mia se lì ci incontravamo per parlare di politica e fare l’amore. C’era profumo di cuoio invecchiato e tornavano al corpo i gesti e le parole, evasi dal carcere della rassegnazione, e banchettavamo. C’erano tante cose da decidere, della vita e dell’aldilà, chi ci avrebbe accolto e la preparazione del giaciglio. Si temeva per la sorte dei figli e degli oracoli, se non si fossero più manifestati anche l’acqua si sarebbe ritirata, e chissà quante piaghe dolorose avremmo dovuto sopportare ancora. C’era da lasciare scritto, da segnare meridiane, istruire amanuensi, allevare falconi per la caccia. Poi ci si amava come nel ricordo delle pareti dei postriboli, con le zampe di capra ancorate al terreno e le braccia gettate al vento in segno di resa. La ninfa perduta aveva trovato il suo posto e avrebbe generato figli immortali, idee e folgorazioni dopo l’incontro con il Dio.

Intorno le lucerne di coccio salutavano la sera, visto che il tempo posava il capo tra le mani accostate a formare una coppa, ancora fresche di umori di sorgente.

Si accendeva una lanterna alla volta, una preghiera seguiva l’altra e insieme alle fiammelle tenaci si consumava la notte romana. Io non so quando e come successe perchè ho imparato, camminando per lasciarmi alle spalle la miseria quotidiana, a perdere la cognizione del tempo.

Giugno ad Aprilia

Venerdì 9 giugno ore 18.30 “Sotto il tappeto persiano” di Giuseppe Taddeo al Caffè Culturale di Aprilia

Sabato 10 giugno ore 17.30 “Cinque poeti al cortile del borgo” incontro poetico con Stefania Battistella, Franca Palmieri, Antonella Rizzo, Beppe Costa, Alessandro Galli