Antonella Rizzo e la sua Ipazia: donne libere e sapienti tra profumi e velette

L'Arco di Aprilia

Affascinante e artistico il salotto culturale tenutosi presso la Profumeria Prioli, sabato scorso, in occasione della presentazione della plaquet di Antonella Rizzo “Lettera di Ipazia a Teone” (Fusibilia libri).

ipa 4.jpg

Antonella Rizzo, affiancata nel dialogo corrisposto con il pubblico da una illuminata Fabrizia Ranelletti, ha porto, così, le tematiche sulla libertà, sulla conoscenza e l’essere donna da difendere oltre ogni paura.

ipa 10 Fabrizia Ranelletti – Foto di Angela Marano

In una lettera indirizzata al padre Teone, Ipazia con stanze struggenti spiega la  sua brama di conoscenza e il piacere che questa le suscita.

L’idea di scrivere sull’affascinante emblema femminile dell’antichità nasce dalla curiosità della nostra poeta verso le donne dell’antichità, il loro fare, dire, costruire e la  loro capacità di entrare nella storia.

ipa-7.jpg foto di Angela Marano

ipa 11 Laura Di Marco – Foto di Angela Marano

L’accoglienza dell’aroma di patchouli ha subito creato la giusta e vivace empatia tra l’autrice, la sua Ipazia…

View original post 595 altre parole