Imparare la pazienza

Ho sempre combattuto il culto del dolore, della redenzione e soprattutto la convinzione della Natura buona, giusta. Ma imparare la pazienza e fidarsi della vita è qualcosa di diverso, di estremamente illuminista e moderno. Sto sperimentando le estati con la compagnia dei postumi chirurgici, del corpo in revisione e anche della violenza che si abbatte sulla propria fisicità come un blitz in un covo di ladri. Qualcosa di premeditato che arriva come un fulmine e mette a soqquadro i piani e la stessa intimità. La pazienza, questa sconosciuta. Praticandola con fede non può che ricambiare tanta devozione con flussi di energia preziosa, sensazioni di benessere, abbandono mistico alla perfezione dell’esistenza. Un passo dopo l’altro, i momenti che trascorrono con la propria nudità, la completezza del destino: basta solo considerare ogni fermo tecnico come una grande opportunità.

Ph. Fabrizio Tedeschi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.