Dialogo tra amanti

“Sei tu piccola vipera ingorda

che gettavi veleno e miele a poco a poco,

fino a rendermi immune dal dolore?

Tu, che toglievi fatica al mio pensare

cibo al mio orgoglio senza fine

voce alla mia rabbia senza pace?”

“Io mi ricordo solo che le tue braccia

hanno sciolto quel bozzolo di paure

e da crisalide umile e scura

sento di essere l’eletta del Signore.”

A.R.

Presentazione a Lanuvio

Il 20 giugno alle ore 18.00 presso la Sala delle Colonne – Biblioteca Comunale di Lanuvio – Villa Sforza Cesarini presentero’ “Il sonno di Salomè” con il Patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Lanuvio.

Interverranno:

Plinio Perilli, poeta e critico letterario

Prof.ssa Silvana Licursi

Intermezzi al pianoforte di Alessandra Vinci

Io mi dico morta

Salva. Mi dite salva dal male

che possedeva inquieto l’anima

e dalla follia selvaggia.

Segretamente esule e raminga

nei giorni segreti regno’

come orgoglio dal calore amaro.

Io maledico i vostri auguri..

Morta. Io mi dico morta.

A.R.

Salomè

Adoravo quella testa antica

legata plasticamente a doppio giro,

predicava la passione cruda del momento

e lasciava cadaveri tra la folla muta.

Chiesi l’ultimo favore

al destino sazio di lacrime e umori

mai pago di parassiti e disperazione.

Guardo la testa con le vene ancora calde

stanca della danza immorale che mi strazia

e non so se il trofeo immondo

sara’ la mia infernale consolazione.Immagine

Eresia dell’amore (inedita)

Fugge l’ego dalla gabbia

e si tuffa in nuovi mari

è solo liquida sostanza.

Ma il pericolo che il magma

si ripeta e si rinnovi

e il potere della carne

mieta vittime innocenti

toglie voglie ai naviganti.

Ti distruggo, freddo dogma

voglio liberi gli amanti.

A.R."La morte di Francesca da Rimini e Paolo Malatesta" A. Cabanel

Alla sorte (inedita)

Chiedo vita

come un condannato a morte.

Che si squarcino le nubi

e poi gli argini appresso

crollino miseramente

come cataste di pensieri

scomodi e affollati vizi

per poveri idealisti.

Chiedo aria

non voglio soffocare

io non voglio questa fine

gia’ ho sentito mani e suoni

come spire intorno ai fianchi

e alle caviglie spoglie.

Chiedo vita, aria, tempo

e una musica vicino.

“Il calice del Titano” T. Cole

Esistono spiriti liberi….

Esistono spiriti liberi, audaci, che vorrebbero nascondere e negare di essere cuori infranti, superbi, immedicabili, e talvolta la follia stessa è la maschera per un sapere infelice troppo certo.

F. Nietsche

WordPress.com.

Su ↑

Hermes Curioso

Psicopompo! Cappello da viaggio e ali ai piedi, leggero e incostante, perennemente curioso.

sm

Io non coglierei la mela, sradicherei l'albero intero e lo inghiottirei, avara delle radici di Adamo (Serena Maffia)

Studio Legale Giorgio Di Micco

credo nel senso di giustizia e di libertà

La via del socialismo

Sito di riflessioni, recensioni di libri di storia e filosofia politica attinente al socialismo

Le Trame del destino: Libri e dintorni

“Non ci sono amicizie più rapide di quelle tra persone che amano gli stessi libri” (Irving Stone)

Profumi di poesia

viaggi lirici ESsenziali

Imp[o]ssible Book

impossibilie e' solo cio' in cui non si crede

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Parole di Pane

Un libro per dare voce a chi voce non ha

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

© Lidia Popa - Arte e inchiostro

Non è povero colui che si prende la cura di un ramo senza radici, ma colui che protegge delle radici senza rami. © Lidia Popa

la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Del cielo stellato

Il blog di EdiLet - Edilazio Letteraria

L'Arco di Aprilia

La storia di Aprilia attraverso i suoi personaggi

nanita

la poesia, la natura, gli alberi

internopoesia.com/

Il blog di Interno Poesia