1000 No Wall

Per il decennale del PLICS: Premio Letterario Internazionale Città di Sassari e l’’11 edizione del festival internazionale OTTOBREinPOESIA, la nostra associazione ha deciso di realizzare un progetto ARCHITETTONICO-POETICO dal titolo “1000 NoW”. 1000 volte No Wall. Now, Ora. 1000 poesie contro. 1000 NO contro i nuovi muri del Mondo”. Un’azione di GuerrillaArt poetica che consiste…

via PoP OttobreInPoesia: 1.000 Now. 1.000 volte NoWall — Beppe Costa Blog

27 settembre 2017

Ottobre, mese di grande interiorità; sarà il buio serale che avanza e procura lo spleen?

Il 2 ottobre alle ore 18.00 sarò in compagnia di altri poeti alla presentazione della nostra antologia “Aleppo c’è” presso IBS in via Nazionale a Roma,  in favore di Medici Senza Frontiere al quale andrà il ricavato della vendita del volume.

Il 7 ottobre alle 18.00 presso Lettere Caffè in via S. Francesco a Ripa io e Antonio Veneziani presenteremo i libri di Ilaria Palomba e Gabriele Galloni, giovani poeti già maturi nell’anima ( quando si dice vorrei riavere i miei venti anni con la testa di oggi ).

Poi si vedrà.

Giugno ad Aprilia

Venerdì 9 giugno ore 18.30 “Sotto il tappeto persiano” di Giuseppe Taddeo al Caffè Culturale di Aprilia

Sabato 10 giugno ore 17.30 “Cinque poeti al cortile del borgo” incontro poetico con Stefania Battistella, Franca Palmieri, Antonella Rizzo, Beppe Costa, Alessandro Galli

Aleppo c’è 

Sono molto orgogliosa di aver dato il mio contribuito poetico all’antologia”Aleppo c’è”, curata dal collettivo Bibbia d’Asfalto – Poesia Urbana e Autostradale, in cui si è chiesto a scrittori e poeti di denunciare la tragedia umanitaria della Siria, prendendo come simbolo Aleppo, centro di carneficine e orrori che si sono susseguiti per mesi, interminabili e lunghissimi mesi, sotto i nostri occhi, impotenti ma offesi, immobili ma sensibili.

FB_IMG_1496177499832

✅ su Kipple ebook e libro: https://goo.gl/h55U1H

✅ su Amazon ebook: https://goo.gl/l1VJjO e libro: https://goo.gl/MLr7hY

Il ricavato andrà a supporto di Medici Senza Frontiere, l’organizzazione umanitaria che nasce nel 1971 per volere di un gruppo di medici e di giornalisti desiderosi di creare un’organizzazione medica d’urgenza libera nelle parole e nelle azioni.

Hypatiae Festival 2017

Parteciperò al Festival “Hypatiae 2017” con la plaquette “Lettera di Ipazia a Teone” di prossima pubblicazione per Fusibilia Libri e la performance teatrale “Bavaglio” con Fabrizia Ranelletti. La gioia di chi ama contaminarsi.

http://www.hypatiae.com/?page_id=967cervelloHypatiae Festival 2017, dedicato al Cervello, dal 20 al 22 Ottobre a Piazza Plebiscito: Artisti e Scienziati per un Festival di Cultura Pubblica. Il Festival fa parte della Rassegna Itinerante, patrocinata anche dall’Unesco, “la Luce nell’Arte e nella Scienza” che dopo Pavia, Genova, Pozzuoli e Minori farà tappa a Napoli a Piazza Plebiscito.
Opera creata dall’artista Marisa Vanetti.

Hypatiae Festival sarà dedicato al Cervello, in tutte le sue declinazioni emozionali, razionali e di creatività.
Il festival a tu per tu con il cervello avrà quattro aeree:
Emozione…Rosso
Ragione…Azzurro
Creatività…Giallo
Sessualità…Verde.

Il Festival sarà a Napoli, in Piazza Plebiscito, posto prestigioso e di grande bellezza per ospitare al meglio la Cultura Pubblica e porterà la cultura nella vita dei cittadini, mediante il divertimento, la passione e la sperimentazione con un ricco e variegato panorama di iniziative. Il Festival renderà PUBBLICA la CULTURA, grazie alla varietà degli argomenti trattati e alla partecipazione attiva alle iniziative in programma, accessibile a tutti: al grande pubblico di diverse età, agli studenti e agli esperti.

Dialoghi appassionati, Momenti Conviviali, Conferenze Artistico-Scientifica, Laboratori di Arte e Scienza Pubblica, Performances Artistico e Scientifica, Cene Artistico-Scientifica, sorprendenti racconti dai confini della conoscenza, sono iniziative dell’associazione e protagonista è sempre la cultura intesa come sensibilità alla bellezza nell’arte e nella scienza. Artisti e scienziati sono di volta in volta chiamati a interagire con il pubblico, facendo partecipi uomini e donne del loro sguardo appassionato sulla realtà per osservarla e interpretarla, ognuno con le proprie energie intellettuali e la propria sensibilità personale. Tutto questo vuole contribuire ad una cultura attiva e propositiva che ha la cifra particolare della creatività e della concretezza.