Déjà vu

Arnold Böcklin “Breaking of Waves”

Non so più cosa successe.
Se lo sguardo naufragò in altro mare
o il cuore in fondo al braccio teso
agli antipodi dell’ingegno
quando nel Medioevo del mio mondo
era contesa tra serpe e colomba
per un grano di miglio crudo
e qualche scarto di filiera.
E non so se ho vissuto
tra diaspore di pensiero
o nella rugiada del mattino
asciugarmi al sole pieno
fino a perderne il ricordo.

A testa china

Non ho radici

e per questo semino alberi

lungo il viale assassinato dai passi

quello che nacque come il mio suolo

e divenne terra dei barbari.

Avevo occhi a guardia della mia stanza

e per questo libero colombe e corvi

e ogni bestia da soma e da caccia.

Nessun luogo mi conforta

che non abbia senso di vuoto, e di vento

un colmare pietoso

figlio della solitudine.

Blog su WordPress.com.

Su ↑