Tag: roberto malini

A letter to the world

83802195_2671366722940569_7101952273336500224_n

A group of poets have written a message to the powerful of the Earth: give our planet back a future and hope to the generations to come. We will continue to ask institutions all over the world to start a path of civilization that takes into account the rights of the environment, all peoples and future generations; we will no longer accept silence or empty words as answers. We need leaders who listen to the voice of scientists, defenders of human rights and the voice of those who will come and who will judge our responsibilities regarding resources, biological wealth and social justice on our beautiful planet. We cannot allow the indifference and apathy of those in power, the leaders of nations, to lead civilisation and the environment towards disaster. We cannot allow their hypocrisy and fear to be the cause of suffering and death for a great number of refugees. We cannot allow the progress of science and technology not to go hand in hand with a moral evolution, and find we are still surrounded by racism, anti-Semitism, homophobia, xenophobia and other forms of intolerance. We cannot allow future generations and living species other than man to be deprived of fundamental rights. Based on these premises, a number of poets from different continents, all committed to defending human rights and the environment, have written this “Letter to the World”, appealing through their verses to governments, international institutions and those in charge of the destiny of the planet to let go of all selfishness, greed and indifference and to begin working, with responsibility and dignity, towards restoring a future to our planet and hope for those who come after us.

A Letter to the World
Dear World, forgive us
the blood, poison and tears
we have spilled on you,
forgive us the power
we hand to your destroyers.
When we walk your streets
we see injustice
cover the walls of our homes.
Poverty is written
courageously in books;
we sit, alone and desolate.
Can we ever heal your wounds,
the people’s wounds?
Tell us we will not live without love.
There are people who kill, and others who die,
a trend towards nuclear rearmament
and everywhere refugees, like never before.
Remember and remind us you do not belong to us,
but to others who will come.
And others who will come after them.
You’re so full of poverty and misfortune!
Will those who impoverish and destroy
ever stop?
Forgive us the stones and shackles,
the bites and wounds,
the darkness and the screams from the soul.
Over the border, the only question,
“Who are you?”
expects a single answer:
“I am a man,
I am a woman.”
And the child born on the border,
which world does he belong to,
which tribe has raised him?
People take on blurred forms,
their hope has laboured breath.
At the end of the century
only dried up rivers and wasted ruins remain.
A continuous debate and synthesis
of the most conforming film of history.
Forgive us the love we buried,
the hatred we dug up from the abyss,
our hunger, greedy for light.
We still don’t have the answers we seek,
despite being here for some time
and we can still become better people,
capable of kindness and respect.
Forgive us the goodness we pushed away,
the altars upon which we sacrificed our memory,
the fine words we betrayed.
If we lost all thought, we would forget
all the errors of the past, we would lose the sound
of words and their mystery.
Forgive us the boundaries we crossed,
on the other side of justice,
our eyes, their indifference
that anticipates the horror.
Forgive us if time fears us
and we had no mercy
for its lymph, and flowers.
You ask us to save you,
so you can protect us.
Sunbeams filter through the branches,
but anguish reaches down to the roots
and arrows of water pierce the heart.
If we were to lose our love of life
we’d become as cold as ice
and as arid as the desert.
Forgive us if our children are born as
kind as angels, but too soon
we teach them to hate.
Forgive us if we are part of your heart,
if we breathe your breath,
feed off your living pulp,
and yet we are your enemies.
We await a saviour
who will stop the axe that is indifferent
to the true splendour of Nature.
The trees write
to unbending consciences.
Forgive us the wars,
the slaughters of the innocent,
the walls we erect
before their pain,
forgive us the incinerated,
the exhausted, the dismembered,
the suffocated, the murdered,
the drowned and the abandoned.
We will be grateful to those who change things
and open our eyes.
We’re short of nothing,
except a Love that unites us.
Forgive us for being death and lies,
our dear forsaken friend;
but forgive us only if we stop in time.
And if we don’t, leave us
to our death throes,
like an infected wound
that will heal itself.
 
Roberto Malini, Isoke Aikpitanyi, Alatishe Kolawole, Antonella Rizzo, Dario Picciau, Glenys Robinson, Steed Gamero, Skylar, Daniela Malini

Su Genova Poesia: Antonella Rizzo, “Amore”

Antonella Rizzo, “Amore”

La poesia di Antonella Rizzo ha una matrice classica, ma è un canto che ci raggiunge da un futuro alternativo o parallelo al nostro, più che dai tempi di Cleopatra, Ipazia, Salomè, donne e muse della sua poiesis. È ricerca di una simmetria universale, che si esprime con una musicalità preziosa, potente e sempre evocativa. È poesia che profuma, perché offre al lettore immagini e scene istantanee che appaiono come attraverso il fumo e subito si dissolvono per lasciare spazio ad altre evocazioni, memorie e creazioni. Amore è una poesia fatta di parole come oscillazioni di luce: basta al lettore coglierne la musica, più ancora che il significato, lasciandole scorrere attraverso il senso dell’intuizione, commoventi, soavi, orgogliose, dolenti. Per poi soffiarle come polline di fiori rari verso il cielo e attendere – a occhi chiusi – che scendano ancora, simili a lacrime o polvere cinerea sulle gote e nello spirito di chi le ha colte, sempre assetato della passione del vivere. R.M.

Amore di Antonella Rizzo

Angelo eletto

sale e vaniglia

giovane giunco

piegato dal vento

amore straniero

di giovani spose

amore di vecchia

bestemmia feroce

tenero nato

di poveri amanti

corpi in esilio

sorso d’assenzio

amore ammazzato

senza un lamento.

Da ceneri mute

gettate nel vento

fai dono di vita

e spargi tormento.

Dipinti: Kati Horna, La muñeca (The Doll), 1949; Leonora Carrington, Pastoral, 1950.

antonella rizzo

Poeti in difesa della Maison de Poésie e dei suoi premi letterari

Parigi, 8 luglio 2014. Da quasi dieci anni la Maison de Poésie, fondata a Parigi nel 1928 e rispettata ovunque per il suo lavoro disinteressato a tutela della vera poesia in Francia, è oggetto di attacchi da parte di istituzioni culturali legate alla politica e al potere economico. La Maison de Poésie ha fondato e promosso in Francia alcuni dei premi letterari che sono stati capaci di scoprire e promuovere grandi voci della poesia:
– il Gran Premio della Maison de Poésie (risultato dalla fusione di cinque premi: Premio Émile Petitdidier, Premio Émile Blémont – dal nome del fondatore della Maison de Poésie -, PremioPaul Damarix, Premio Fernand Dauphin e Premio Maurice Du Plessy;
– il Premio Louis Mandin
– Il Premio Paul Verlaine
– il Premio Émile Verhaeren (riservato a un poeta straniero in lingua francese)
– il Premio Edgar Poe (per le traduzioni in francese)
– il Premio Philippe Chabaneix (per la critica e la storia della poesia)
– il Premio Arthur Rimbaud (per giovani talenti).
Alcuni di questi premi storici sono già stati costretti a chiudere, mentre nel mese di ottobre 2011 la Maison è stata espulsa dalla storica sede presso l’Albergo di Émile Blémont in rue Ballu, a Parigi, su richiesta e a beneficio della potentissima Société des Auteurs et Compositeurs Dramatiques (SACD).Alcuni poeti e artisti italiani, fra cui Roberto Malini, Steed Gamero, Daniela Malini, Elisa Amadori Brigida, Antonella Rizzo, Fabio Patronelli e Dario Picciau si stanno impegnando a sostegno della Maison de Poésie. “Chi ama la poesia non può che schierarsi a fianco della Maison e dei suoi premi,” afferma il poeta Roberto Malini, “perché si tratta di una realtà storica che ha operato per la tutela della vera poesia e non di meschini interessi privati: un esempio di come l’onestà, l’integrità, la qualità e l’autonomia dei giurati siano le fondamenta di un premio utile alla poesia (e alla cultura) di un paese. Ho accettato di presiedere le giurie di due premi di poesia proprio per portare in Italia lo spirito della Maison e difendere il talento dai dannosi opportunismi e dalle influenze di chi detiene micro e macro poteri”.

In data odierna il Presidente della Maison de Poésie Jacques Cherpentreau (nella foto), vero poeta e amico della poesia, ha inviato una email a Roberto Malini e ai poeti che sostengono la Maison de Poésie: “Cari amici, grazie! Azioni di sostegno come la vostra sono preziose per noi, perché ci aiutano a resistere contro la pressione incessante del profitto e del potere finanziario. Grazie ai nostri amici, speriamo di riottenere presto i nostri diritti, attualmente violati.

Con grande cordialità, Jacques Charpentreau”.

La vera Poesia (a Isoke e a Roberto)

Immagine

Riuscire a creare sinergie, interazioni, alchimie è il miracolo della Poesia. Abbandonare le difese razionali che confinano l’essere umano nella gabbia della diffidenza e condividere vissuti di poche ore o di un’intera vita. E quando si incontra la vera Poesia ci si sente inadeguati, spogli di quell’orgoglio che pervade i momenti di onnipotenza creativa. Pronti a ricevere l’emozione, umili discepoli. Essa volge la sua grazia senza meriti di nascita, sopravvive ai dolori più grandi e cresce in qualsiasi terreno. L’Uomo non è quello che mangia. Ed io che non ho saputo scrivere nient’altro che la mia firma leggo: “Osare” come un grido di battaglia di cui mi si attribuisce la maternità…ma non so se davanti a tanta Vita ne sono ancora degna.